Drenanti: funzionano? Proprietà, verità e leggende

femarofarma drenanti simadren sciroppo linea cellulite ritenzione idrica consigli alimentazione

Con la parola drenante si intendono quegli alimenti le cui proprietà aiutano a combattere la ritenzione idrica e la cellulite, problemi di microcircolazione, aiutano l’attività renale, stimolando una serie di attività del nostro corpo che implicano l’espulsione dei liquidi e delle tossine.

I drenanti sono molto utili in diversi campi di applicazione e in diversi periodi dell’anno. Ad esempio, chi soffre di problemi di microcircolazione potrebbe averne bisogno, dal momento che un drenante aiuta le persone affette da problemi di gambe gonfie o ritenzione idrica.
Come conseguenza del caldo eccessivo o del freddo, infatti, la vasodilatazione (caldo) o la vasocostrizione (freddo) tendono ad aumentare. Questo implica un ristagno di liquidi in alcune zone critiche tra cui, appunto, le gambe.

Sintomi tipici delle gambe gonfie sono: sensazione di pesantezza, gonfiore, pelle a buccia d’arancia, caviglie gonfie e, ultima ma non ultima, cellulite.

Esistono molti prodotti drenanti che promettono miracoli : noi non possiamo indicarvi quali, nello specifico, funzionano e quali no. Quello che possiamo però dirvi è come imparare ad individuare da soli il prodotto migliore per voi, imparando come funziona e cosa è un drenante, e in quali casi si ha necessità di assumerlo.

CELLULITE, RITENZIONE IDRICA, SISTEMA LINFATICO

La ritenzione idrica e la cellulite sono disturbi molto diffusi. Si stima che circa l’80% delle donne nel mondo soffra, infatti, di cellulite. Sebbene spesso correlati, questi due stati sono tra loro divergenti.

La ritenzione idrica è un condizione caratterizzata da ristagno di liquidi e tossine nei tessuti, in particolare negli spazi interstiziali tra cellula e cellula. Le cause sono legate principalmente a ormoni femminilialimentazione scorretta e sedentarietà.

La ritenzione idrica è un problema la cui causa princpale è da ricercarsi innanzitutto nelle naturali oscillazioni ormonali femminili, e secondariamente nello stile di vita e nell’alimentazione, che possono condizionare i naturali processi dell’organismo. Se durante la fase che precede il periodo di ovulazione infatti il livello di estrogeni è sensibilmente più alto, in quello subitamente successivo questi precipitano lasciando spazio al progesterone. Tutto questo condiziona il sistema linfatico. Il sistema circolatorio linfatico è un sistema complesso con varie funzioni, tra cui quello di trasporto di proteineliquidi e lipidi dall’interstizio al sistema circolatorio sanguigno, ma presenta anche ruoli di filtraggio e nella risposta immunitaria favorendo l’arrivo di antigeni agli organi linfoidi periferici per innescare i meccanismi immunitari. [fonte: wikipedia].
Dunque, in presenza di ritenzione idrica, la funzione drenante del sistema linfatico viene ostacolata e di conseguenza rallenta, provocando il ristagno di liquidi e sostanze di scarto nei tessuti.

La cellulite, invece,  è un inestetismo causato da un’alterazione del tessuto connettivo e del pannicolo adiposo sottocutaneo non direttamente connesso allo stile di vita di una persona. Pertanto, la causa principale di cellulite è la presisposizione genetica. E’ chiaro che, indirettamente, uno stile di vita eccessivamente sedentario ed un tipo di alimentazione ricco di grassi possa ugualmente causare la cellulite e, perciò, la visibile comparsa di “pallini” di grasso (il famoso effetto ‘ a buccia d’arancia’ ) in varie aree del corpo, con noduli e buchi più o meno evidenti, a seconda dello stadio della cellulite.

BUONA ALIMENTAZIONE, POCO SALE

Fare largo uso di alimenti a base di sodio è sbagliato : esso è infatti uno dei principali elementi che contribuiscono alla comparsa di cellulite ritenzione idrica. Il primo passo per combatterle, quindi, è diminuire il sale e, di conseguenza, la quantità di sodio assunta ogni giorno, aumentando parallelamente l’apporto di alimenti ricchi di potassio, vitamina C e fibre. Il sale è comunque presente in maniera naturale [o indotta attraverso la lavorazione, come nel caso degli insaccati] in molti alimenti : è quindi buona norma imparare a limitare il consumo di questi ultimi, o a cucinare utilizzando altri aromatizzanti che non il sale.

Anche lo zucchero andrebbe ridotto drasticamente per aiutare a combattere la cellulite e la ritenzione idrica. E’ preferibile consumare molta frutta, piuttosto che alimenti con zuccheri lavorati. Questi ultimi, notoriamente, non apportano grandi benefici all’organismo.

ACQUA: UNA GRANDE ALLEATA

Bere molto, lo sentiamo ripetere spessissimo da sportivi e non, aiuta moltissimo a perdere peso e drenare i liquidi favorendo le corrette funzioni di intestino, reni e quindi microcircolo. Bisognerebbe bere almeno 2 litri d’acqua al giorno.

POTASSIO E MAGNESIO

Potassio magnesio aiutano tantissimo contro la guerra alla cellulite e alla ritenzione idrica: il potassio regola infatti la distribuzione dei fluidi fra interno ed esterno delle cellule ed è l’antagonista naturale del sodio, favorendo lo smaltimento dei liquidi in eccesso, mentre il magnesio è un microelemento che agisce sulla permeabilità della membrana cellulare e, di conseguenza, influenza il passaggio del potassio e di altri elementi attraverso di essa.
Entrambi questi minerali sono naturalmente presenti nelle verdure a foglia larga, nella frutta, come fragole, pesche, albicocche e banane, e in altri alimenti, quali cereali integrali, semi oleosi, legumi e frutta secca.

IN CONCLUSIONE

I drenanti funzionano? Se a base di erbe o frutti con proprietà drenanti come il ribes o i mirtilli, e se con certe dosi di minerali come il potassio e il magnesio, si. Fanno miracoli ? No, ma aiutano : per ottenere dei benefici, bisogna che ci si impegni a mantenere un sano stile di vita. Sono un alleato utile? Certo che si.

Il prodotto che Fe.MaRo.Farma consiglia contro la ritenzione idrica, la cellulite e una migliore attività circolatoria del nostro corpo è SIMADREN DRENANTE.

SIMADREN

SIMADREN SCIROPPO DRENANTE

FacebookLinkedInYouTube