Il miele: per cosa è specificatamente utile? [pt. 1]

fe.maro.farma i benefici del miele

Il miele è una sostanza dorata e dolce prodotta dalle api da miele. Da migliaia di anni se ne fa uso per scopi curativi. Le api da miele conservano la sostanza prodotta in piccoli contenitori esagonali che, insieme, formano l’alveare. Il miele puro arriva direttamente dall’alveare. Un cucchiaino di miele contiene i seguenti valori nutrizionali:

Calorie: 64
Proteine: 0 gr
Grassi: 0 gr
Carboidrati: 17 gr
Fibre: 0 gr
Zuccheri: 17 gr

Contiene vitamine e minerali in piccole quantità, compresi:
Ferro
Potassio
Zinco

e, nel particolare, è composto da polline, cera d’api e perfino parti di api morte. I produttori di miele, solitamente, filtrano il miele puro per rimuovere quante più impurità possibili ma, generalmente, qualche residuo resta sempre. Resta comunque un cibo sicuro da consumare.

Il miele che normalmente compriamo nei negozi e nei supermercati, salvo diversamente indicato, non è miele puro : è miele che viene lavorato attraverso processi di pastorizzazione. Questo significa che il produttore riscalda il prodotto fino a temperature tali da uccidere batteri e cellule dannosi. Il processo ne altera il sapore, allunga la data di scadenza e lo rende alla vista più trasparente ed attraente del miele puro. Tuttavia, il processo di pastorizzazione influisce anche sul numero di nutrienti presenti nel miele.

BENEFICI DEL MIELE

Evidenze storiche stimano che l’uomo consumi miele da più di 8000 anni. Il miele possiede naturalmente le seguenti proprietà:

  • Azione antibatterica
  • Benefici per la guarigione delle ferite
  • Antiossidanti
  • Effetti antinfiammatori

Il miele puro, oltre a ciò, contiene anche polline di api e propoli, che sono sostanze collose utilizzate per tenere insieme l’alveare. Il miele lavorato potrebbe non contenerli.
Le proprietà del polline e della propoli sono ben note: da quelle antinfiammatorie a, perfino, quelle anticancerose.

PROPOLI

Come detto, la propoli è una sostanza densa prodotta dalle api le cui applicazioni in campo farmacologico sono ben note. La propoli è composta principalmente da:

Polifenoli
Apigenina
Pinocembrina
Kaempferolo
Galanina
Vanillina
Fenolacidi
Acidi caffeico, ferulico, gallico, gentistico e salicilico
Alcoli
Pterostilbenzene e xantorreolo
olio essenziale ed eudesmolo

Calcio
Magnesio
Manganese
Fosforo
Riboflavina

Vari grassi, aminoacidi, oligoelementi come calcio, ferro, nichel, zinco, vitamine del gruppo B e provitamina A.

L’azione di questi principi attivi sull’organismo umano è incredibilmente vasta: dalla stimolazione del timo, ghiandola che regola la produzione di ormoni e gli equilibri del sistema immunitario durante la pubertà, alla riattivazione metabolica : stimola infatti la moltiplicazione cellulare, il che rende la propoli idonea a velocizzare la guarigione delle lesioni cutanee. Inoltre aiuta la gestione dei lipidi nel sangue. La sua azione antinfiammatoria aiuta a tenere sotto controllo infezioni e infiammazioni, agendo da coadiuvante di cute e mucose. Questo implica che la sua azione si estende su una grande quantità di organi, dai polmoni al tratto digerente fino alle articolazioni.

AZIONE ANTIOSSIDANTE DEL MIELE

L’azione antiossidante del miele riduce lo stress ossidativo nel corpo, stimolando il rilascio di radicali liberi. Gli scienziati hanno collegato lo stress ossidativo a un certo range di condizioni di salute croniche, inclusi alcuni cancri. Una dieta a base di antiossidanti aiuta a ridurre il rischio di disturbi salutari cronici.

Alcuni credono che il processo di pastorizzazione possa ridurre gli antiossidanti contenuti nel miele, ma non esistono ricerche specifiche che confermano questa affermazione nei confronti del miele (è invece dimostrato che sia così con altri cibi. )

AZIONE NUTRITIVA

La ricchezza di minerali, vitamine ed altre sostanze nel miele lo rende un ottimo integratore alimentare. L’esatta composizione chimica e nutrizionale del miele puro varia tuttavia di luogo in luogo, poiché viene influenzata dalle condizioni ambientali come, per esempio, il tipo di fiori presenti in una determinata area.

Il miele puro contiene anche zucchero. Poco più della metà di questo zucchero è fruttosio. Questo fa del miele una alternativa più salutare allo zucchero da tavola, cioè quello bianco, e le persone affette da diabete sono libere di consumare moderatamente il miele sia come sostituto dei dolcificanti artificiali, sia perché sono stati visti significativi cambi nei livelli di zuccheri nel sangue in pazienti diabetici che regolarmente fanno consumo di miele. Il miele puro, infatti, ha un indice glicemico di 58 : questo implica che abbia un effetto molto più moderato dello zucchero bianco sul sangue.

AZIONE ANTIBATTERICA

Il miele è un antibatterico ed un antimicrobico naturale. Contiene perossido d’idrogeno e glucosio ossidasi; ha inoltre bassi livelli di PH, il che significa che può uccidere batteri dannosi e funghi. Ancora, per via della sua unica composizione chimica, contrasta la crescita di agenti dannosi e batteri. Per via di queste proprietà, il miele può essere usato per trattare le ferite. Una ricerca ha dimostrato che il miele Manuka, che è un tipo di miele puro, può uccidere alcuni patogeni comuni come:

  • Escherichia coli o E. coli, un batterio che causa intossicazione alimentare e infetta le ferite
  • Staphylococcus aureus o S. aureus, un microbo che causa infezioni della pelle
  • Helicobacter pylori o H. pylori, un batterio che causa ulcere dello stomaco e gastriti croniche

Hai trovato l’articolo interessante? Condividilo!

FacebookLinkedInYouTube