Tutto sulla Tosse : perché si suscita, come prevenirla

Quando parliamo di tosse parliamo di un vero e proprio meccanismo difensivo del nostro corpo che, come nel caso della peluria nasale la quale intende bloccare gli agenti malevoli esterni per espellerli con la successiva espirazione, viene attuato dall’organismo per “buttare fuori” violentemente tutto quanto di dannoso è finito nelle nostre vie aeree. Si tratta di meccanismi appunto fisiologici, ossia relativo alle normali funzioni dell’organismo.
gli spasmi della tosse sono ben noti a tutti quanti : questa inizia con una fase di inspirazione seguita da compressione di questa aria immessa contro la glottide (segmento intermedio della laringe in corrispondenza delle corde vocali) , per poi procedere con l’espulsione violenta dell’aria nella successiva fase espiratoria.

Tutto questo avviene, come detto, per una risposta dell’organismo alle minacce esterne. Queste minacce sono perpetue, continue : ma il nostro corpo ha un proprio equilibrio e delle proprie naturali difese che, nel caso della gola, sono rappresentate dalla mucosa delle vie aeree. Il muco che ricopre normalmente la gola, infatti, è un efficace filtro contro batteri e particelle allergiche (o comunque dannose) che ogni giorno respiriamo. Possono tuttavia verificarsi casi di proliferazione incontrollata di suddetti microbi o particelle, che portano ad infiammazioni o irritazioni quando non a infezioni vere e proprie. In questi casi, la gola non è più in grado di difendersi efficacemente “buttando fuori” quello che dovrebbe essere espulso, il muco diventa più vischioso diminuendo l’efficacia del battito ciliare ( le ciglia vibratili della gola sono minuscole estroflessioni a filamento delle cellule dell’epitelio respiratorio, la cui funzione è quella di rendere costante la motilità dei muchi lungo le vie respiratorie per assicurare la pulizia delle stesse) ed esponendo l’apparato respiratorio a rischio di infezioni, difficoltà respiratorie, accumuli di muco.

Tra le cause dei problemi della gola che non siano virus o batteri ricordiamo il fumo, i cambi di temperatura, aria secca, inquinamento (le cosiddette polveri sottili).

E dunque, è questa serie di cause e processi che manifesta la tosse.

TOSSE GRASSA, TOSSE SECCA

La tosse si caratterizza per potere essere grassa o secca. Quando parliamo di tosse grassa, intendiamo riferirci alla tosse provocata da ipersecrezione di muco. Questa tosse porta con sé difficoltà respiratorie, sensazioni di soffocamento, dolori al petto dovuti all’intasamento delle vie aeree da parte del muco e un costante bisogno di espettorare, che non sempre è possibile (influisce lo stato di viscosità del muco). La tosse secca, invece, è una tosse provocata da irritazione della gola, spesso anche solamente per mancata idratazione. La tosse secca, in altre parole, può manifestarsi anche a prescindere da condizioni patologiche. Nel caso di tosse secca, le secrezioni sono scarse o nulle.

In caso di allergie, si può assistere a manifestazioni sia di tosse grassa che di tosse secca.

Infine, la natura della tosse può anche essere acuta o cronica.

Di seguito, una tabella riepilogativa con le caratteristiche distintive di ciascuna tipologia di tosse.

TOSSE GRASSACaratterizzata dalla presenza di secrezioni più o meno abbondanti. Ha il compito di favorire la fuoriuscita del catarro.
TOSSE SECCATosse caratterizzata da poche o nulle secrezioni
TOSSE ACUTAIn generale le manifestazioni di tosse acuta sono quelle che durano meno di 4 settimane (con alcune eccezioni, come la Pertosse).
TOSSE CRONICAQuando la tosse dura fino ed oltre le 8 settimane.
differenziazioni della tosse

LA TOSSE NEI BAMBINI

Nei bambini la tosse è una manifestazione comune. Tra le cause più frequenti di tosse nei bambini ci sono l’asma, infezioni virali dei bronchi, laringiti, riniti allergiche, ingestione di corpi estranei, tracheiti.
Nei bambini il sistema immunitario è in fase di sviluppo e assestamento fino ai 4 anni. Inoltre, ambienti con grande ricambio di agenti patogeni come scuole o asili sono da sempre focolai di malattie per i più piccoli, i quali non badano particolarmente a cosa portano alla bocca, a cosa toccano, e tendono per propria natura e curiosità infantile all’esplorazione sensoriale. E’ per questo che nei bambini la tosse è un sintomo molto comune, non necessariamente legato ad un particolare quadro clinico.

In caso di reali difficoltà respiratorie nel bambino, se la tosse persistesse senza passare o se assieme alla stessa ci fossero altri sintomi molto specifici come la perdita di peso, l’inappetenza o la febbre, va interpellato il medico pediatra. Non esistendo una cura specifica della tosse per i più piccoli, sarà premura del medico indirizzare il genitore verso la soluzione più adeguata.

CURA E PREVENZIONE

La tosse va curata a seconda della condizione che la provoca.
Tosse causata da infezioni respiratorie virali, per esempio, non va trattata con antibiotici poiché questi ultimi non hanno alcuna efficacia sui virus ma solo sui batteri. Una tosse legata all’influenza andrebbe pertanto trattata solo con lenitivi come quelli a base di miele e propoli.

Il medico di base, comunque, in caso di sospetta sovrapposizione batterica (presenza di placche alla gola, ad esempio) potrebbe prescrivere terapia antibiotica.

E’ molto importante rimanere idratati. Bisognerebbe bere molto quando si soffre di tosse e, nel caso questa fosse persistente e di certa natura vitale, assumere uno sciroppo per la tosse (sempre sotto consiglio del medico, comunque).

In presenza di catarro, un mucolitico che aiuti ad espettorare sarebbe di certo aiuto. Se la presenza di catarro è legata a polmonite, allora sarà il medico a prescivere la terapia più adeguata.

Infine, un ambiente idoneamente umidificato è utile per liberarsi di polveri e allergeni che possono essere da noi inalate e provocare accessi di tosse.

CONTRO LA TOSSE, FE.MARO.FARMA CONSIGLIA

FacebookLinkedInYouTube